+39 347 001 7996Lun - Dom 9.00 / 18.00

Bike tour la Via degli Dei

Le due storiche città italiane collegate attraverso una strada militare dell'Impero Romano

La famosa Via degli Dei, un grande classico per gli appassionati dei cammini italiani viene proposta su due ruote. Il mezzo più adatto per chi ha poco tempo a disposizione o per tutti gli appassionati di mountainbike.

Il percorso bike alterna tratti condivisi con il sentiero trekking, dove avremo la possibilità di conoscere e fare due chiacchiere con viandanti provenienti da tutte le parti del mondo, ad altri sentieri più adatti alle biciclette.
La proposta è sia per E-bike che per bici muscolari, purché adatte al fuoristrada.

La soluzione migliore per ammirare i panorami dell’Appennino ed assaporare la tradizionale e genuina cucina locale, è suddividere il percorso in tre tappe.

Il percorso è fattibile da aprile a settembre

La quota non comprende

  • Assicurazione infortuni.
  • Pranzi
  • Supplemento camera singola
  • Biglietto per il rientro a Bologna con Treno regionale/Alta
  • Velocità/NCC
  • noleggio Bicicletta

Tipo

• Escursionistici • In bici • Privati

Durata

3 giorni (2 giorni a richiesta, adatto solo a ciclisti allenati) 1° tappa: 50 km 1400m disl. 2° tappa: 40 km 1000m disl. 3° tappa: 50 km 1000m disl

Livello

Difficile: Impegno fisico 5/5 livello tecnico 5/5 (ci sono tante varianti ed è possibile evitare i passaggi più impegnativi, percorrendo comunque bellissime strade panoramiche)

Orario partenza tour

Orario a scelta


Attenzione: Per partecipare ai nostri bike tour è necessaria familiarità e dimestichezza con la bicicletta


Programma

Giorno 1:

Ritrovo presso BikInBo in via Indipendenza 69/a a Bologna, vicino alla stazione dei treni Bologna Centrale. Qua si lascerà il bagaglio che troveremo nel pomeriggio direttamente presso il nostro alloggio. Si raggiunge quindi Piazza Maggiore di Bologna dove, dopo le foto di rito sotto la Fontana del Nettuno, inizierà ufficialmente il giro. Si abbandona quindi il centro città sfruttando, quando possibile, piste ciclabili e dirigendoci verso il Parco della Chiusa di Casalecchio ed il fiume Reno che costeggeremo per alcuni chilometri. Questi primi chilometri di pianura sono un ottimo riscaldamento per le prime salite che andremo ad affrontare in prossimità di Sasso Marconi. Si trascorre tutta questa prima tappa pedalando prevalentemente in salita con alcuni tratti pianeggianti che ci fanno riprendere fiato. Lungo il percorso attraverseremo i paesi di Brento, vicino a Monte Adone all’interno della Riserva Naturale del Contrafforte Pliocenico, e Monzuno, dove non mancherà la possibilità di fare un ristoro al bar oppure una più rilassante sosta al ristorante, ricordandoci però che ci aspetta ancora un po’ di salita. Lasciato Monzuno alle nostre spalle, pedaliamo sul fianco di Monte Venere in direzione sud fino a raggiungere Madonna dei Fornelli dove Agriturismi o hotel a gestione famigliare saranno pronti ad accoglierci. Abbiamo quindi il tempo per rilassarci e prepararci per la cena che sarà a base di prodotti genuini e tipici della tradizione culinaria locale, un particolare che non verrà mai trascurato durante tutto il Tour.

Giorno 2:

Dopo una ricca e gustosa colazione siamo pronti a ripartire per quella che sarà la nostra Cima Coppi del Giro: il Passo della Futa. Si parte subito in salita, senza fretta e con un rapporto agile, per raggiungere Pian di Balestra, dove entriamo nel fitto bosco con tratti a volte scivolosi e scoscesi, che si possono comunque affrontare anche bici a mano. Sempre in questa zona abbiamo la possibilità di vedere il selciato dell’antica strada romana Flaminia Militare portato alla luce solo recentemente. Il sentiero continua nel bosco, alternando tratti in singletrack a strade ghiaiate fino ad arrivare al Passo Futa, dove l’imponente cimitero militare tedesco merita una visita. Qua inizia finalmente la discesa verso il Mugello, ma non possiamo rilassarci, perché è una discesa tecnica che richiede concentrazione ed interrotta comunque da ripidi strappi in salita. Si raggiunge quindi il Passo dell’Osteria Bruciata, celebre per la sua storia, e si continua in discesa fino a San Piero a Sieve, poco lontani dal Lago di Bilancino.

Giorno 3:

Ancora una ottima colazione ci darà l’energia per affrontare l’ultima giornata in sella. Abbiamo già svalicato gli Appennini, ma anche oggi ci aspettano due lunghe salite, la prima per il Castello del Trebbio piuttosto ripida, ma sempre pedalabile, e la seconda per Monte Senario dove sarà necessario qualche breve tratto a spinta. A questo punto la salita è davvero finita, una veloce discesa ci condurrà prima a Vetta Le Croci, poi a Fiesole, dove gli appassionati di storia potranno visitare il bellissimo Teatro Romano. Fiesole è anche il posto giusto per una sosta ristoratrice, gustare qualche tipico piatto toscano prima di raggiungere il centro di Firenze. Raggiunta quindi Firenze, dove ci muoveremo con bici a mano per le strade del centro, c’è tempo per le foto in Piazza della Signoria e davanti alla Basilica di Santa Maria Novella. Rientro in treno o con transfer privato a Bologna, o per chi lo desidera, la possibilità di prenotare una notte supplementare a Firenze.

Una piccola nota 😊

Suddividere il percorso in tre tappe è il modo migliore per vivere al meglio questa esperienza. Non deve essere una gara o una prova di resistenza, è un viaggio alla scoperta di territori, colori e sapori che solo le nostre montagne sanno offrire. Ci capiterà di pedalare in mezzo al traffico cittadino, così come di pedalare per ore senza incontrare nessuno. Partiremo dalla bellissima Bologna per finire nella affascinante Firenze. Avremo la possibilità di attraversare il confine di regione, la catena montuosa degli Appennini, pedalando verso sud lungo le strade usate nei secoli passati da mercanti o militari. Ed avremo la possibilità di apprezzare tutti i prodotti culinari tipici del luogo, assaporando prima la cucina Emiliana, poi quella Toscana, accompagnando il tutto con ottimo vino locale

Punti di interesse visitati

Bologna, Brento, Monzuno, Madonna dei Fornelli, Passo della Futa, San Piero a Sieve, Fiesole e Firenze.
Monte Adone, Monte Venere, Monte Luario, Monte Senario Piazza Maggiore di Bologna, Riserva Naturale Contrafforte Pliocenico, Strada Romana Flaminia Militare, Linea Gotica, Cimitero militare germanico della Futa, Osteria Bruciata, Fortezza Medicea, Castello del Trebbio, Sacro Eremo di Montesenario, Teatro Romano di Fiesole, Piazza della Signoria a Firenze.

Materiale obbligatorio

  • casco
  • guanti da bici
  • gilet o giacca antivento a seconda della stagione
  • occhiali
  • zaino con sacca idrica e/o borraccia (molte E-Bike non
  • hanno il porta borraccia)
  • barrette energetiche o gel (per il pranzo si valuterà di volta
  • in volta)
  • 2 camere d’aria
  • 1 bomboletta CO2
Materiale consigliato 
  • luce led rossa posteriore
  • scarpe da bici con un buon carroarmato, perchè si faranno alcuni pezzi a piedi su terreno scivoloso, sia in salita che in discesa
  • crema solare
Suggerimenti
Prima della partenza verificare il buono stato della bike. Verificare gomme, usura delle pastiglie freno e che il cambio funzioni perfettamente. Verificare che gli ammortizzatori siano tarati adeguatamente



Walk 'n Ride Srl by BikeinBO

Via dell'Indipendenza 69/a
40120 Bologna
+39 347 001 79 96